Scopa elettrica senza fili: programmi e funzionalità disponibili, tempi di pulizia

Una scopa elettrica senza fili è un importante alleato per la pulizia. Questa nuova possibilità di scopa elettrica, promossa non molti anni fa da Dyson, permette infatti di avere uno strumento maneggevole e semplice da manovrare, senza le restrizioni causate, per l’appunto, dal cavo che congiunge la scopa alla rete elettrica. Avrete un congegno sempre a portata di mano per pulizie rapide, senza dover ricorrere al pesante aspirapolvere.

Se la classica scopa elettrica era un’alternativa economica al tradizionale aspirapolvere, la scopa elettrica senza fili è invece una vera possibilità antipodica alla normale scopa. Da utilizzare, per esempio, dopo pranzo o cena per eliminare le briciole dalla cucina. O per pulire una camera velocemente, magari il salotto prima di ricevere ospiti. Ma come funzionano queste progredite scope elettriche? Hanno molta potenza? E a quanto è attestata l’autonomia della batteria? Quali sono i tempi di ri-approvvigionamento? In questo articolo proveremo ad analizzare tutti i motivi che contribuiscono alla selezione della migliore scopa elettrica senza fili.

Come funziona una scopa elettrica senza fili?

La scopa elettrica senza fili funziona proprio come un normale aspirapolvere. All’interno del congegno c’è un motore elettrico che fa oscillare una turbina, proprio come accade per il ventilatore ma al contrario. Spinge l’aria  in modo da provocare un effetto di risucchio. Quindi dall’esterno verso l’interno.

Scopa elettrica con e senza sacco

Ad oggi, quasi tutti modelli di scope elettriche lavorano senza sacco sebbene siano vendute anche scope elettriche con sacco. In questo ultimo modello, la polvere si accumula, per l’appunto, in un contenitore di cartone, che va cambiato poi quando si riempie. Questa ipotesi comporta la necessità di comperare sacchetti di ricambio e, purtroppo, causa anche una perdita di potenza notevole nel momento in cui il sacco inizia a riempirsi. In alternativa, i prototipi senza sacco accumulano la polvere in un contenitore fisso, munito di filtro. Risultano quindi più agevoli, anche se il rovescio della medaglia è che il contenitore va pulito sistematicamente.

Scopa elettrica con filo e senza filo

Fino a pochi anni fa, tutte le scope elettriche operavano con un filo unito alla rete elettrica. Questo le rendeva alquanto complesse. La loro funzione, cioè quella di essere adoperate al posto della  tradizionale, non era certo svolta in modo eccellente. Anzi, si trattava più che altro di una opzione ai classici aspirapolvere. Infatti, questi strumenti erano piuttosto pesanti e per nulla comodi da spostare. Tanto che la scopa elettrica veniva adoperata per le pulizie generali, ma per quelle giornaliere si preferiva la scopa tradizionale.

Con la nuova tecnologia senza fili, la scopa elettrica ha invece raggiunto il suo posto di sostituta della scopa classica. Sempre pronta, unita al suo caricabatteria, leggera e pratica, la scopa elettrica senza fili può essere usata in un attimo. Per questo è diventata così celebre in poco tempo.

Vantaggi e svantaggi

Se volete avere una casa sempre in ordine, la scopa elettrica senza fili sarà utilissima, pronta all’uso in un battibaleno, e potrà anche sostituire l’aspirapolvere, laddove si tratti di pulire un piccolo spazio.  La pulizia sarà anche molto più rapida, durando pochi istanti a fronte dei diversi minuti necessari per spazzare una camera.

Il vantaggio di non possedere il filo non si esaurisce con la migliore manovrabilità e libertà di spostamento. Infatti, il filo si riempie di polvere, essendo sempre trainato a terra, non permettendo una pulizia accurata e richiedendo esso stesso di essere pulito costantemente. Inoltre, il filo molto grosso causa dei danni di una scopa elettrica: quante volte, per disattenzione, lo avete tirato in modo brusco, rovinando la presa e, magari, causando lo spegnimento della scopa o provocando dei corti circuiti?

Di contro, la scopa elettrica senza fili è un congegno molto pratico per le pulizie veloci, meno per la pulizia generale di tutta l’ambientazione. Infatti, l’alimentazione a batteria non permette (nella maggior parte dei casi) di ricevere la stessa potenza di aspirazione che avreste con l’uso della rete elettrica. Il costo è sostanzioso, e deriva da vari fattori che valuteremo nel seguito di questo articolo.

Come scegliere una scopa elettrica senza fili

Scegliere una scopa elettrica senza fili non è facile. Talvolta, le differenze di costo sono difficili da valutare. Queste scaturiscono da vari fattori, quasi sempre di tipo tecnologico e quindi non facili da individuare. Tra i vari, primeggia la qualità della batteria. Seguono poi la potenza di aspirazione, il peso, il kit di accessori in dotazione.

Batteria

La batteria è il principale elemento di qualsiasi strumento senza fili. La sua qualità, è chiaro, influenza in modo ragguardevole sul prezzo.

In primis, l’autonomia della batteria è importante per avere il tempo di ripulire la zona che si intende igienizzare. Quindi, con scope elettriche che possono durare da 20 a più di 40 minuti, dovrete valutare attentamente questo elemento, per poter selezionare il prototipo che fa al caso vostro. Un altro criterio a questo legato è il tempo di ricarica. Più breve è, superiore è, come si può facilmente intuire. Purtroppo, ad oggi, i tempi di ricarica sono invece lunghi.

Da non sottostimare è l’efficienza della batteria: permetterà una potenza continua, o andrà a peggiorare man mano che la batteria si scarica? Infine: quante ricariche saranno attuabili con una batteria? Quanto tempo occorrerà, prima che la durata inizi a calare? Risulta quindi evidente che la qualità della batteria è forse il motivo più importante nella valutazionedi una scopa elettrica senza fili.

Un altro perno da considerare è quello concernente il tipo di caricabatteria in dotazione. La scelta, in questo caso, deriva da dove pensate di parcheggiare la scopa elettrica (di solito, in uno sgabuzzino). Alcuni caricabatteria sono a parete, saranno quindi utili  per chi ha spazio dove appenderli, in modo che la scopa elettrica possa essere tirata fuori comodamente.

Per chi invece non ha spazio, è preferibile optare per i prototipi che hanno una base caricabatterie, in modo da utilizzare lo spazio sul pavimento. Ricordatevi, però , che in entrambi i casi occorre avere una presa elettrica di prossimità, per la ricarica della batteria.

Potenza di aspirazione

La potenza di aspirazione è basilare, in quanto concede una pulizia più precisa e più rapida, con meno passate. Controllare la potenza di una scopa elettrica senza fili non è faccenda immediata, soprattutto quando si prova di paragonarla a quella di un esempio che funziona a rete elettrica. In quest’ultimo caso, infatti, la potenza è indicata in Watt, ed è di semplice paragone. Per i modelli senza fili, invece, l’unico dato segnalato è quello dei Volt della batteria. Per sapere allora la reale potenza di aspirazione, basterà moltiplicare i Volt per gli Ampere. La potenza è un altro elemento che incide sul costo.

Back to top
menu
Scope Elettriche migliori